Pošalji link prijatelju Sva polja su obavezna

*link će biti automatski generiran u poruci

Pošalji

A + A - Grad Poreč Feed Pošalji link Print
Vi ste ovdje: Naslovna /
Uredi podatke

L’Istituto per l'agricoltura e il turismo di Parenzo (Centro per le specie invasive) - la tignola delle palme

Le esperte del Centro per le specie invasive, che opera all'interno dell'Istituto per l'agricoltura e il turismo di Parenzo, affrontano un altro argomento di attualità in un nuovo articolo e rispondono alla domanda: cosa sta distruggendo le nostre palme? Recentemente, un’abitante di Parenzo si è lamentata con noi di aver trovato strane creature sotto una palma nel suo giardino. Abbiamo riconosciuto che si tratta della tignola delle pale (Paysandisia archon), una specie invasiva che è stata registrata per la prima volta in Croazia nel 2011 nell'area della città di Spalato. La tignola della palma è una farfalla della famiglia delle falene, originaria del Sud America. Attacca più comunemente le palme e predilige la specie Trachycarpus foruteni (piralide alta), ma può attaccare anche altre specie (Phoenix c., Washingtonia f.). La tignola della palma è presente in Istria da molti anni e provoca gravi danni.

Come riconoscere che la palma è stata attaccata?

La forma adulta di questo parassita, la farfalla, vola intorno alle palme e depone le uova in cima alle palme. I bruchi escono dalle uova, che si infilano nel tronco della palma e crescono ad ogni mutamento. Lo stadio del bruco dura dai 10 ai 18 mesi, seguito dallo stadio di bozzolo e pupale e allo stadio adulto. Per lo più il parassita viene notato solo dopo che ha già fatto danni alla palma perché tutto inizia dall'alto, e sappiamo che le palme possono crescere a diverse decine di metri di altezza. I primi segni della presenza di questo parassita sono le foglie delle palme rosicchiate prima del bruco dalla corona della palma. Quando la foglia si sviluppa e si apre, si possono notare tracce dei danni sotto forma di fori più grandi. Altri sintomi dell'attacco sono: la presenza di segatura sulla chioma e/o sul tronco della palma, gallerie scavate all'interno del tronco, le esuvie conseguenti agli sfarfallamenti sul tronco, il tronco deformato e traballante e le foglie e il tronco essiccati. Quando un tarlo attacca una palma, può distruggerla completamente entro 2-4 anni.

Come si diffonde la tignola della palma? Il modo più comune di diffusione della tignola della palme è il commercio internazionale di piantine a periodi lunghi e periodi più brevi si diffonde con il volo delle farfalle.

La palma è pericolosa per l'uomo e gli animali? Non ci sono dati sul possibile effetto dannoso diretto di qualsiasi stadio di sviluppo della tignola della palma sulla salute umana o animale. In termini di impatto indiretto, va menzionata la possibilità di crollo delle palme secche se non vengono rimosse in tempo, che rappresenta un potenziale pericolo per l'uomo e gli animali.

Quali sono i metodi per controllare questo parassita? Il controllo del tarlo della palma è molto difficile perché in tutte le fasi è endofago, cioè vive sulla larva dell'ospite (tranne nel breve periodo tra la schiusa dall’uovo ed entrano nei tessuti vegetali nell’ospite). Alcuni dei metodi meccanici per controllare questo parassita sono: l'eliminazione delle palme infette e la rimozione meccanica dei parassiti dalla chioma delle palme. Con strumenti speciali, tutte le foglie infette vengono rimosse dalla chioma e la parte superiore della palma viene tagliata fino a raggiungere la parte non infetta. I metodi chimici per rimuovere questo parassita includono l'uso di insetticidi organofosforici di contatto e/o sistematici (clorpirifos, acefato e dimetoato). In Croazia, la preparazione a base di chlorpyrifos Pyrinex 48 EC, si è dimostrata la più efficace ma è stata sospesa la registrazione per il mercato della Repubblica di Croazia il 16 febbraio 2020. Fortunatamente, dal 2019, è stata registrata in Croazia il Revive II, dell’azienda Syngenta, , che potrebbe servire come un nuovo mezzo per limitare la diffusione della tignola della palma. Il preparato viene iniettato direttamente nei fasci conduttori delle palme mediante uno speciale applicatore, che lo trasportano fino in cima. Per quanto riguarda i metodi biologici di controllo di questo parassita, l'uso ripetuto del nematode entomopatogeno Steinernema carpocapsae, specialmente in combinazione con preparati chimici, si è finora dimostrato efficace. Per prevenire la diffusione dei parassiti, è necessario sradicare una palma completamente essiccata e le parti devono essere bruciate o distrutte in una macchina per la lavorazione dei residui vegetali. Se la palma è ancora viva e solo la parte superiore vegetativa della palma è infetta, quella parte viene tagliata con una sega fino alla parte sana.

Invitiamo tutti gli amanti della natura a contattarci se hanno domande, dilemmi o dubbi sui cambiamenti nell'ambiente naturale.

D.Ph.. Danijela Poljuha

mag.oecl. Mirela Uzelac

D.Ph. Barbara Sladonja

https://www.facebook.com/civporec

https://www.instagram.com/civ_porec/?hl=hr

http://civ.iptpo.hr/