Pošalji link prijatelju Sva polja su obavezna

*link će biti automatski generiran u poruci

Pošalji

A + A - Grad Poreč Feed Pošalji link Print
Vi ste ovdje: Naslovna /
Uredi podatke

Istituto per l'agricoltura e il turismo Parenzo (Centro per le specie invasive) – i cigni di Parenzo

Parenzo da quest'inverno, ha due nuovi inquilini bianchi discreti, una copia di cigni, che sono stai spesso avvistati nella baia di Peschiera. Molte persone li osservano e fotografano, e dato al gran numero di richieste che si sono pervenute, maggiori informazioni su questi meravigliosi uccelli ce le daranno le esperte del Centro per le specie invasive, che opera nell'ambito dell'Istituto per l'agricoltura e il turismo di Parenzo.

Curiosità sui cigni

Queta copia appartiene alla specie dei cigni dal becco rosso (lat. Cygnus olor, Gmelin), o cigno muto ( in lingua inglese viene proprio chiamato in tal modo, Mute Swan) emette solo versi gutturali poco udibili. È uno dei uccelli più grandi che possono volare. Si nutrono di vegetazione sottomarina, erbe, alghe e simili e talvolta mangiano pesci e insetti più piccoli. Possono essere nutriti con pezzi di pane o cereali come grano o mais. Raccoglie il cibo immergendosi nell'acqua con la parte anteriore del suo corpo e il collo allungato, mentre la parte posteriore del suo corpo sporge nell'aria. Mangiano fino a 3-4 kg di cibo al giorno! Molto spesso vivono in coppia per tutta la vita. Grazie al loro amore fedele e al collo che la coppia può piegare sotto forma di cuore, sono diventati il simbolo dell'amore e di fedeltà e un'ispirazione per numerose opere d'arte e opere letterarie.

Da dove e perché sono venuti?

I cigni sono uccelli migratori, il che significa che ogni anno in autunno si spostano dalle aree di nidificazione (aree settentrionali) all'area di svernamento (aree meridionali) e ritorno. Volano in stormi a volte a causa della stanchezza le coppie si separano e decidono di svernare sulla riva di mari più caldi. Volano a velocità fino a 90 km/h e fino al luogo di nidificazione possono percorrere anche 1.000 km. I cigni sono presenti nell’area di quasi tutta l’Europa, e negli ultimi 50 anni il loro numero è aumentato e la loro area di residenza e nidificazione si è allargata., La Croazia e il Mediterraneo da località invernale temporanea di svernamento sono diventati la loro residenza per tutto l'anno. Per questo motivo, svernano sempre più spesso in Croazia e dai primi anni '90, anche nidificano. Sono presenti sui laghi all'interno del paese e appaiono in alcuni luoghi lungo la costa dell’Adriatico. Si stabiliscono nelle aree di acque dolci calme e lente, come peschiere, laghi e paludi. Possono anche essere visti in lagune salmastre, valli e su coste tranquille, Sono sempre più presenti anche nelle città. La nostra copia di cigni ha scelto Parenzo per il suo clima piacevole, la bellissima città, le brave persone e forse per il il simbolo del cuore a Peschiera, che era un'esca per i nostri bellissimi inquilini.

Rimarranno a Parenzo in modo permanente?

I cigni sono arrivati a Parenzo per trascorrere l'inverno, e se rimarranno dipende dal fatto se decidono qui di nidificare.Se decidono di farlo, la coppia costruisce un nido insieme e accudisce i pulcini e durante questo periodo il maschio può essere aggressivo per proteggere la famiglia. Nidificano da marzo ad agosto vicino all'acqua, in acque poco profonde, in habitat acquatici con canne, calabroni o altra flora acquatica e talvolta in baie protette. A Parenzo non ci sono molti biotopi isolati di questo tipo ed è possibile che decidano di abbandonarli, almeno fino al prossimo autunno.

Anche se siamo sicuri che noi tutti saremo ospitali e discreti verso di loro, non dimentichiamo che il cigno rosso - in Croazia è una specie protetta e qualsiasi disturbo deliberato, danneggiamento del nido, distruzione delle uova, lesioni e azioni simili sono punibili finanziariamente.

Invitiamo tutti gli amanti della natura a contattarci in caso di domande, dilemmi o dubbi sui cambiamenti nell'ambiente naturale.

D.Ph. Barbara Sladonja

D.Ph. Danijela Poljuha

Mag.oecol. Mirela Uzelac