Pošalji link prijatelju Sva polja su obavezna

*link će biti automatski generiran u poruci

Pošalji

A + A - Grad Poreč Feed Pošalji link Print
Vi ste ovdje: Naslovna /
Uredi podatke

Istituto per l'agricoltura e il turismo Parenzo (Centro per le specie invasive) - tutto ciò che dobbiamo sapere sulla processionaria del pino

Alle domande su quello che dobbiamo sapere sulla processionaria del pino, ci risponderanno le esperte del Centro per le specie invasive, che opera all'interno dell'Istituto per l'agricoltura e il turismo di Parenzo.

Cosa sono i gomitoli/nidi bianchi sui rami di pino?

Se fai una passeggiata in una delle tante foreste di conifere nei pressi del mare in questi giorni, noterai dei gomitoli bianchi sui rami alti dei pini. Questi sono i nidi della processionaria del pino (Thaumtopoea pityocampa, Denis & Schiffermuller), è un lepidottero appartenente alla famiglia Notodontidae, - delle farfalle notturne. Come suggerisce il nome, la processionaria dimora sulle conifere (pino, abete snello, abete rosso, larice). In Europa è diffusa in tutti i paesi mediterranei, poi nell'Europa centrale e orientale fino alla Scandinavia.

Come riconoscere la processionaria del pino?

Questa specie è più facile da riconoscere dai suoi bruchi pelosi che in primavera si muovono in colonne lunghe decine di metri. Il bruco è solo una delle forme di sviluppo di questa farfalla notturna piuttosto sgradevole. I bruchi, iniziano a formare colonne aggrappate al filo argenteo che lasciano dietro di se. Tutti i bruchi sono ciechi e sono privi di olfatto. Ecco perché la colonna è in movimento fino a quando non trovano il cibo – gli aghi di pino.

Figura 1: Ciclo di vita della processionaria

Perché è dannosa la processionaria?

La processionaria è dannosa perché si nutre di aghi di pino due volte l’anno: le giovani larve in autunno e bruchi in primavera. Sull’Adriatico, il parassita vive per lo più sul pino nero e sul pino d’Aleppo. Questo parassita si trova principalmente sugli alberi adulti (da circa 40 anni in su) dove molto raramente causa problemi più gravi, come la morte e l’essiccatura degli alberi. Con l'arrivo della primavera, gli alberi si riprenderanno e rinverdiranno nuovamente. I bruchi lasciano gravi conseguenze nelle zone delle foreste appena rimboscate in cui le giovani piante muoiono rapidamente perché i loro ospiti mangiano gli aghi.

La processionaria è pericolosa per l'uomo e per gli animali?

A contatto con la pelle, la processionaria di pino può causare reazioni allergiche negli esseri umani e negli animali (cani). La causa di ciò sono i peli dei bruchi che contengono una sostanza velenosa che funge da difesa dai predatori. La reazione può anche essere causata da un bruco morto, non solo da quello vivo. Poiché i bruchi espellono il veleno come aerosol (spruzzato nell'aria), è sufficiente che il cane passi vicino o lo lecchi, per avere una reazione allergica.Dopo il contatto si verifica un improvviso gonfiore della bocca, gli occhi si chiudono, il cane sente un tremendo prurito alla testa, e a volte la reazione è così forte da provocare anche il vomito. Se il cane, al momento del contatto con il bruco, ha la bocca aperta, la lingua può gonfiarsi in modo tale che in pochi minuti non può più chiuderla, può verificarsi anche la necrosi della lingua, che in alcune sue parti può anche staccarsi. In questi casi, l'intervento veterinario è urgentemente necessario perché c'è il rischio che con il gonfiore della faringe, si chiudano le vie respiratorie.

Quello che consigliamo vivamente è di tenere d'occhio i cani e cercare di evitare di camminare nella pineta in questo periodo dell'anno. Tenere i cani esclusivamente al guinzaglio, in modo da tenerli vicini e poter monitorare ciò che stanno annusando.

Quali sono i metodi per combattere questo parassita?

Gli studi hanno dimostrato che le foreste composte da conifere monocoltura, che crescono su terreni poveri, sono più suscettibili agli attacchi di questo parassita. Pertanto, uno dei modi per combattere la processionaria del pino sarebbe di piantare nuove specie e formare foreste miste. La soppressione è possibile anche con mezzi meccanici, staccando e eliminando i nidi, ma questo metodo spesso non è applicabile perché i nidi sono troppo alti sugli alberi. Il trattamento con insetticidi non viene effettuato per motivi ambientali. Invitiamo tutti gli amanti della natura a contattarci in caso di domande, dilemmi o dubbi sui cambiamenti nell'ambiente naturale.

dr.sc.Barbara Sladonja

dr.sc.Danijela Poljuha

mag.oecol. Mirela Uzelac