Pošalji link prijatelju Sva polja su obavezna

*link će biti automatski generiran u poruci

Pošalji

A + A - Grad Poreč Feed Pošalji link Print
Vi ste ovdje: Naslovna /
Uredi podatke

L'Istituto per l'Agricoltura e il Turismo di Parenzo dispone di alcuni dei laboratori più attrezzati del paese e sono ancora in evoluzione

Parenzo, 20 gennaio 2021

L'Istituto per l'Agricoltura e il Turismo di Parenzo è un'istituzione scientifica di ricerca che esiste da 145 anni, e oggi è tra le più attrezzate del paese. Oltre ad impiegare 65 dipendenti, di cui 19 scienziati - 15 dottorandi e tre post-dottorandi, si lavora attivamente nella comunità per conseguire e trasferire conoscenze ai fini dello sviluppo economico, ecologico e sociologico sostenibile del territorio rurale. Negli ultimi anni, il lavoro è stato ulteriormente arricchito dalla realizzazione di numerosi progetti europei e nazionali, che hanno contribuito alla progettazione e all'equipaggiamento dei laboratori.

Il laboratorio recentemente rinnovato è stato presentato oggi dal direttore dell'Istituto Dean Ban, dal collaboratore professionale nell’ambito della scienza e dell’istruzione universitaria Zoran Užila e dal sindaco di Parenzo Loris Peršurić.

- L'Istituto l'anno scorso ha creato altri due nuovi laboratori, oltre ai quattro esistenti che avevamo, quindi attualmente abbiamo sei laboratori in cui si svolge l'attività di ricerca scientifica e una piccola attività commerciale.

Si tratta di un laboratorio per il vino, noto tradizionalmente presso l'Istituto delle biotecnologie nutrizionali, laboratori autorizzati e accreditati, poi un laboratorio di genetica e uno di pedologia, che è stato rinominato laboratorio per il suolo, le piante e l'acqua, perché ora realizza una serie molto più ampia di analisi nel campo del suolo, dell'acqua e delle piante. I due nuovi laboratori sono uno per determinare le differenze nel fenotipo e l’altro per la protezione delle piante. Negli ultimi tre anni, nell’Istituto sono stati svolti investimenti rilevanti - nel 2018 5 milioni di kune, nel 2019 oltre 3 milioni di kune e oltre 3 milioni di kune l'anno scorso. Nel laboratorio per il suolo, le piante e l’acqua, abbiamo investito oltre 6 milioni di kune, di cui solo per i lavori edili circa 1,1 milioni di kune, con i fondi della Città di Parenzo utilizzati per questo, che ogni anno ci dà un contributo per le attività di ricerca scientifica, per il quali ringraziamo dell’aiuto e la comprensione,- ha detto il direttore dell'Istituto.

Allo stesso tempo, presso l'Istituto si stanno facendo investimenti significativi sulla sistemazione del paesaggio che lo circonda, come la piantata di un nuovo uliveto di circa 3.000 metri quadrati, mentre per la primavera è prevista la realizzazione di un vigneto di viti sperimentali su due ettari, un progetto che è stato approvato e finanziato da fondi dello sviluppo rurale.

-Alla fine dello scorso anno abbiamo ricevuto una notifica dal Ministero della Scienza che siamo nell'elenco di riferimento per la ricostruzione dell'edificio esistente e l'aggiornamento del nuovo Istituto ed è arrivato l’avviso che ci sono stati concessi 4,7 milioni di kune per la preparazione della documentazione necessaria per la costruzione dell'edificio fino al permesso di costruzione. È un grande passo avanti e sarà un investimento capitale. Speriamo di ottenere i finanziamenti per la costruzione. Contiamo su investimenti fino a 12-13 milioni di euro, perché questi spazi non sono più sufficienti per noi, ed esiste la necessità - di nuovi posti di lavoro e una sala moderna per le conferenze, per essere un'istituzione moderna e potente, rispettabile non solo in Istria e Croazia, ma anche a livello europeo, ha annunciato il direttore.

- Quando ho iniziato a lavorare, il laboratorio aveva 9 m² e oggi abbiamo 200 m² di locali rinnovati di recente. Le potenzialità di questo laboratorio sono grandi e importanti, non solo per l'attività scientifica, quindi invitiamo anche tutti gli agricoltori locali a sfruttare il potenziale che l'Istituto ha e che è uno dei più attrezzati attualmente in Croazia, tanto che può competere liberamente a livello europeo e mondiale per quanto riguarda le attrezzature e i macchinari, ha detto Užila, che ha presentato i preziosi macchinari e il loro lavoro durante la visita.

Il sindaco si è congratulato con l'Istituto per il suo 145º anniversario e per i numerosi progetti, notando che tale istituzione si lega permanentemente al nostro patrimonio, ma anche al futuro.

- Noi siamo la città del turismo e non ne scappiamo. Allo stesso modo, siamo una città dell'agricoltura, che in una piccola area geografica riunisce alcuni dei migliori produttori - che si tratti di vino o olio d'oliva ... E questa non è solo la storia di Parenzo, ma anche di tutta l'Istria. Ecco perché il ruolo dell'Istituto nel nostro contesto è importante. È attiva la comunità scientifica che si integra nella vita quotidiana della nostra città e che ci aiuta a migliorare di giorno in giorno, ha detto il sindaco, elogiando l'ottima collaborazione tra l'Istituto e la Città, soprattutto quando si migliora l'ambiente – un ulteriore rimboschimento, l’organizzazione di un percorso didattico e la sistemazione delle infrastrutture, oltre a motivare l'iscrizione dei ragazzi alla scuola agricola, che continuerà anche in futuro.