Pošalji link prijatelju Sva polja su obavezna

*link će biti automatski generiran u poruci

Pošalji

A + A - Grad Poreč Feed Pošalji link Print
Vi ste ovdje: Naslovna /
Uredi podatke

Riunione del Comando della Protezione Civile di Parenzo in forma estesa

Al fine di riassumere congiuntamente il lavoro dei servizi della Città, della Regione e dello Stato nell'area del Città di Poreč – Parenzo e dei comuni limitrofi del Parentino nell'ultimo periodo e di considerare la possibile situazione epidemiologica per il prossimo periodo, il tutto nell'ambito di prevenire la diffusione dell'epidemia da coronavirus e seguendo le istruzioni delle competenti, venerdì 13/11/2020 si è tenuta la seduta del Comando della protezione civile, in video conferenza.

Oltre ai membri del Comando della Protezione Civile di Parenzo e del Parentino, il Comandante Denis Matošević della Stazione dell'Unità dei Vigili del Fuoco, il capo della stazione di polizia di Parenzo Davor Švenda, Mladen Kiković dell'Ufficio di Stato per la protezione e il soccorso, Igor Ostojić, della Società della Città della Croce Rossa, il capo dell’Assessorato sistema comunale della Città Marino Poropat, il responsabile dell’Istraski vodovod (Acquedotto Istriano) Parenzo Danijel Banić, il direttore della municipalizzata Usluga Milan Laković, Mladen Nikšić del Soccorso Alpino Croato, la vicesindaca Nadia Štifanić Dobrilović e Serđo Rakovac a nome della città di Poreč- Parenzo, all'incontro hanno partecipato il sindaco di Parenzo Loris Peršurić, i sindaci di Fontane Mladen Gergeta, di Vižinada Marko Ferenac, di San Lorenzo del Pasenatico Marko Ljubešić, e l’assessora dell’Assessorato amministrazione generale ed economia della Città Morena Mičetić Fabić, la direttrice della Città Sana di Parenzo Natasa Basanić Ćuš e la dottoressa Radmila Korlević della succursale delle Case della salute Istriane.

Come ha detto il sindaco Peršurić all’introduzione della seduta, tutti questi servizi sono in contatto, anche più volte al giorno; questo incontro è anche un'opportunità per considerare la situazione congiuntamente e presentare una relazione sul lavoro delle loro istituzioni. Ha aggiunto, che la situazione a Parenzo è migliore che in altre parti d'Europa e della Croazia, ma è necessario attuare costantemente le misure prescritte, monitorare la situazione e reagire tempestivamente. Ha aggiunto che la situazione nelle istituzioni e nelle aziende cittadine è stabile, che un piccolo numero di dipendenti sono in isolamento, ma ha anche esortato tutti ad attenersi alle misure prescritte e ad essere responsabili nel prevenire la diffusione del virus e, in ultima analisi, mantenere l'intero sistema funzionante.

Il comandante dell'Unità dei vigili del fuoco Matošević ha parlato del numero delle persone contagiate ricevuto dal Comando della protezione civile della Regione e delle attuali misure in vigore. La dottoressa Korlević della Casa della Salute ha detto che il coronavirus è apparso anche tra i loro dipendenti, ma per ora riescono a coprire l’attività con le proprie risorse. Ha anche ricordato che i tamponi di diagnosi del coronavirus possono essere fatti nel container sul retro dell'ingresso della Casa della Salute Parenzo, che poi vengono inviati per l'analisi a Pola. Ciascuno dei partecipanti ha presentato la propria attività, l’assessore del dipartimento dei servizi comunali ha parlato dei controlli delle guardie comunali e degli assembramenti, con il maggior numero di interventi nei centri commerciali, anche la polizia dell'esecuzione dei controlli e della supervisione degli assembramenti, Natasa Basanić Ćuš, dell’assistenza psicologica che forniscono ai cittadini in questi tempi difficili, e Igor Ostojić della Croce Rossa che ha aggiunto che anche loro stanno monitorando la situazione e sono pronti a ri-fornire assistenza nell'acquisto di generi alimentari agli anziani in modo che non escono, come hanno fatto in anche in primavera.

Peršurić ha ringraziato tutti i presenti per il loro grande impegno nella lotta contro la diffusione del COVID-19 e ha sottolineato che continuerà a essere in contatto più volte al giorno, al fine di introdurre le misure prescritte in modo tempestivo, a beneficio dell'intera comunità.