Pošalji link prijatelju Sva polja su obavezna

*link će biti automatski generiran u poruci

Pošalji

A + A - Grad Poreč Feed Pošalji link Print
Vi ste ovdje: Naslovna /
Uredi podatke

Oggi inizia la vendita dei biglietti per il concerto di beneficenza di Petar Grašo per le famiglie Bašić e Tamburin

Oggi, 5 novembre 2019, possono essere acquistati i biglietti per il concerto di beneficenza di Petar Grašo per le famiglie Bašić e Tamburin che si terrà il 21 novembre presso il palasport Veli Jože alle ore 19,00 in occasione delle festa del santo patrono della città di Parenzo - San Mauro. Il prezzo del biglietto è 40 kune e sarà venduto alla cassa dell'Ente turistico della Città di Parenzo in via Zagabria 9 nei giorni lavorativi dalle 8,00 alle 15,00 e sabato dalle 8,00 alle 13,00. Tutto il ricavato del concerto sarà totalmente devoluto alle famiglie parentine Bašić e Tamburin.

Invece del consueto concerto per la festa del santo patrono della città – San Mauro sotto la tenda in piazza, abbiamo scelto di organizzare il concerto di beneficenza al palasport Veli Jože per offrire un aiuto ai nostri concittadini.

- Tutti i guadagni saranno devoluti alle famiglie del poliziotto deceduto Tomislav Bašić e alla famiglia Tamburin, per il recupero di Antonija. Sono contento che a quest’ opera di beneficenza si sia unita la nostra concittadina Nataša Cvijanović- ha detto il sindaco.

Come forse già sapete, negli ultimi anni ho cercato di organizzare azioni di beneficenza, per aiutare i nostri concittadini che ne avevano bisogno. Per questo motivo sono particolarmente felice che assieme alla Città e al sindaco abbiamo concordato questo concerto per le famiglie Bašić e Tamburin. La nostra motivazione è di portare sollievo ai bisognosi ed è una gioia speciale per noi essere in grado di aiutare le famiglie. Sono sicura che nel corso dell'anno prossimo la festa del patrono della città diventerà la giornata per aiutare chi ha bisogno. I Parentini hanno sempre dimostrato il loro grande cuore e credo che anche questo concerto non sarà un'eccezione - ha concluso la Cvijanović.