Pošalji link prijatelju Sva polja su obavezna

*link će biti automatski generiran u poruci

Pošalji

A + A - Grad Poreč Feed Pošalji link Print
Vi ste ovdje: Naslovna /
Uredi podatke

PARENZO: Sta terminando la costruzione del depuratore di acque reflue, imminenti i lavori di prova

Mercoledì 3 febbraio 2021, Il sindaco di Parenzo Loris Peršurić, l'assessore Marino Poropat, il direttore della muncipalizzata Odvodnja Poreč, Milan Laković con i collaboratori, i rappresentanti della vigilanza e degli appaltatori e altri soggetti coinvolti nell'attuazione del progetto dell'UE Sistema di drenaggio con impianti di trattamento delle acque reflue della Città di Poreč-Parenzo, hanno visitato i cantieri degli impianti di trattamento delle acque reflue (depuratori) Lanterna e Parenzo - nord (Saladinca), che utilizzeranno la tecnologia dei bioreattori a membrana per il trattamento delle acque reflue, ai fini del suo riutilizzo.

La realizzazione del progetto dell'UE Parenzo, è finanziata attraverso i Fondi strutturali e di investimento europei, in particolare attraverso il Programma operativo Competitività e coesione, il cui valore totale supera i 500 milioni di kune. I lavori di questi cantieri sono eseguiti nell'ambito del contratto per la costruzione di quattro impianti di trattamento delle acque reflue e di un impianto di compostaggio solare e lento, del valore di 291 milioni di kune, concluso con un consorzio di appaltatori SUEZ International, Francia e STRABAG AG, Austria. Nell'attuazione del progetto, finora sono stati realizzati in totale, oltre 351 milioni di kune.

Gli impianti di trattamento delle acque reflue in costruzione nell’ambito del menzionato contratto si trovano in una fase avanzata di completamento, in particolare il dispositivo visitato nel sito di Lanterna, con una capacità di trattamento per 30.000 abitanti, su cui vengono svolte attività, prima della messa in servizio. In conformità alla tempistica dell’esecutore dei lavori, entro la metà di quest'anno si prevede di completare la costruzione di tutti gli impianti e di metterli in prova. In conformità alla tempistica del contraente, entro la metà di quest'anno si prevede di completare la costruzione di tutti gli impianti e di commissionarli in libertà vigilata. Il lavoro di prova viene eseguito per un periodo di un anno, con test della tecnologia installata, si stabilisce la biologia del trattamento delle acque reflue e vengono effettuate analisi quotidiane e i risultati del funzionamento dell'impianto vengono monitorati. Il contraente è responsabile della gestione degli impianti e della garanzia dei risultati richiesti nel trattamento delle acque reflue, durante il periodo di prova.

Oltre al cantiere di Lanterna, è stato visitato l’impianto di trattamento delle acque reflue di Parenzo - a nord nel sito di Saladinca, il che è specifico in quanto oltre al dispositivo con una capacità di lavorazione equivalente a 37.000 abitanti, contiene anche un impianto di essiccazione solare del fango. Questo impianto raccoglierà il 60 per cento della quantità di liquami urbani nel processo di trattamento delle acque reflue su tutti i dispositivi, e per essicazione solare produrrà materie prime che saranno utilizzate come combustibile nel processo d’incenerimento, cioè per la produzione di energia, per la riparazione di parti danneggiate del terreno e la copertura delle discariche o la miscelazione con altri materiali in costruzione.

La tecnologia del bioreattore a membrana, che utilizza il processo di ultrafiltrazione a membrana, oltre alla rimozione biologica delle particelle di scarto dalle acque comunali, consente di riutilizzare l'acqua purificata per l'irrigazione delle aree verdi, il lavaggio delle aree pubbliche e per scopi antincendio.

Oltre ai dispositivi visitati, attualmente sono in fase di costruzione anche gli impianti di trattamento delle acque, i depuratori Parenzo - sud, presso la locazione „Mornarica“ (capacità di trattamento corrispondente a circa 48.000 abitanti) e Orsera (Petalon; con una capacità di lavorazione dell'impianto corrispondente a 22.500 abitanti) e un impianto di compostaggio del fango nel sito della discarica di rifiuti urbani di Košambra (Cosambra), dove verrà lavorato il 40% del fango. Il compostaggio, comporta la lavorazione del fango che potrà essere usato per i dispositivi insieme ai bio-rifiuti verdi. In questo modo si ottiene un prodotto di qualità, che può essere utilizzato nell’agricoltura, nei parchi e in altre aree verdi.

Ulteriori informazioni sull'attuazione del progetto dell'UE Parenzo, sono disponibili sul sito web www.odvodnjaporec.hr o chiamando il numero 052 431 003.